25Aprile2017

La Voce

Sei qui: Home Anzio
trilussa polizia

OCCUPANTI DELLA TRILUSSA: SGOMBERATI DALLE FORZE DELL'ORDINE

A seguito dell’intervento delle forze dell’ordine  hanno dovuto lasciare l’edificio, dopo due notti ed un giorno, i lavoratori che lunedì sera avevano occupato l’Istituto Trilussa di Pomezia. La loro protesta era nata il 17 febbraio a causa di ulteriori tagli al comparto degli operatori di pulizia nelle scuole. Proprio questi tagli, se messi in atto, diminuirebbero ancora le ore lavorative di questi dipendenti riducendo i loro stipendi a circa 300 euro mensili. Alle 8.30 circa alcuni lavoratori occupanti sono ancora all’interno dell’edificio scolastico con gli uomini della Polizia che stanno prendendo le loro generalità.

Leggi tutto...

eliambulnza

PRECIPITA IN UN BURRONE PER 50 MT. DOPO UNA VIOLENTA LITE

Lungo la provinciale Prossedi – Pisterzo, è caduta per 50 metri in un burrone rimanendo gravemente ferita: ad intervenire sul posto i Vigili del Fuoco e gli operatori dell’elicottero Pegaso 44 che hanno prontamente immobilizzato la donna per poi trasferirla in eliambulanza al Goretti di Latina.

Leggi tutto...

LOCALIZZATO DOPO AVER RUBATO IL CELLLULARE

Un 50enne romano, incensurato, è stato denunciato a piede libero con l’accusa di furto aggravato dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma San Pietro a conclusione di una attività di indagine. L’uomo, ieri sera, è stato raggiunto da una pattuglia, in via Ostia, dove il localizzatore satellitare segnalava la presenza di un cellulare che era stato rubato qualche ora prima ad una 27enne romana, all’interno di un panificio. A seguito della denuncia della vittima i militari, con la sua collaborazione hanno attivato il localizzatore riuscendo ad individuare il borseggiatore, che è stato così raggiunto e bloccato. Una volta recuperato il prezioso melafonino i militari hanno condotto in caserma l’uomo dove è stato denunciato e segnalato all’Autorità Giudiziaria mentre, il mal tolto è stato riconsegnato alla proprietaria.

neve

VOLO DI 5 METRI: PERDE IL CONTROLLO DELLO SLITTINO

Perde il controllo dello slittino: cade per 5 metri.

Leggi tutto...

TENTA DI “DEFILARSI” DOPO AVER VISTO LA POLIZIA: FERMATO E PERQUISITO, TROVATO IN POSSESSO DI MARIJUANA

Ieri nel pomeriggio un giovane romano di 27 anni ha incrociato la pattuglia della Polizia mentre percorreva a piedi via del Casale Agostinelli alla Romanina. Improvvisamente ha tentato di cambiare direzione ma poi, vistosi osservato, ha desistito continuando nel suo cammino.

Il suo atteggiamento però ha insospettito gli Agenti che hanno deciso così di fermarlo per un controllo.

Senza documenti di identificazione, ha fornito le proprie generalità ai poliziotti che, effettuati i primi accertamenti, hanno scoperto che l’uomo risultava avere  alcuni precedenti di Polizia legati anche agli stupefacenti. Quando gli hanno chiesto se fosse in possesso di  droga, il giovane ha estratto dagli slip due bustine in plastica trasparente contenenti complessivamente  9 grammi di marijuana. A seguito della successiva perquisizione,  i poliziotti hanno sequestrato anche una somma di danaro che si ritiene possano essere provento dell’attività illecita. Ha avuto esito positivo anche la perquisizione a casa del giovane dove,  nel salone, all’interno di un recipiente in ceramica,  sono stati rinvenuti circa 17 grammi di marijuana suddivisa in 4 dosi. Sono state rinvenute anche altre bustine vuote e un foglietto manoscritto con annotati nomi e cifre riconducibili all’attività di spaccio di stupefacente. All’interno di un vaso in ceramica sono stati sequestrati altri 5 grammi di marijuana e su una libreria è stato trovato anche un bilancino di precisione.

L’uomo, accompagnato negli uffici del Commissariato “Romanina”, diretto dal dr. Domenico Condello, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacente.

vigili del fuoco

CONTRO UN ALBERO UN'AUTO: UNA MORTE ED UN FERITO GRAVE

Lungo la provinciale Bagnorese ha perso la vita una giovane di 24 anni a seguito di un incidente stradale.

Leggi tutto...

TOR SAN LORENZO: SALVATO 53ENNE DOPO UN NAUFRAGIO

L’intervento della capitaneria di porto di Roma e dei militari dell’Ufficio locale marittimo di Torvaianica ha permesso il salvataggio del 53enne che ieri ha fatto naufragio a largo di Tor San Lorenzo. L’uomo,  partito dal Porto di Ostia intono con il suo catamarano, si era diretto verso Nettuno. All’altezza di Tor San Lorenzo, dopo aver un colpo sotto uno dei due scafi il natante ha iniziato ad imbarcare acqua, facendo alzare il timone e capovolgere il catamarano. Un elicottero della Guardia Costiera, avvistato il mezzo in difficoltà, ha allertato  la  Sala Operativa dell’Ufficio Locale Marittimo di Torvaianica. Immediatamente è stato disposta l’uscita della motovedetta GC 348 in dotazione alla Guardia Costiera, che ha raggiunto il punto dove galleggiava il catamarano semi-affondato, con l’uomo ancora intento a chiedere soccorso. Il recupero del naufrago è avvenuto alle 13:10. L’uomo si presentava in buone condizioni di salute, ma comunque scosso e impaurito per l’accaduto. Il 53enne è stato condotto a terra e ospitato presso il Comando della Capitaneria di Porto di Torvaianica dove ha ricevuto da parte del personale del comando assistenza e le prime cure per lo choc subito. 

dirupo

MUOIONO DUE ESCURSIONISTI A MONTE GEMMA E A MONTE ACUTO

Due le vittime: nella provincia di Frosinone e Latina in due diverse località montane. La prima vittima è una donna di circa 60 anni deceduta dopo essere precipitata in un diruposul monte Gemma,  mentre era fuori per un’escursione con degli amici.

Leggi tutto...

LAVORATORI IN PROTESTA IN VIA DEI FORI IMPERIALI

 Parcheggiati su Via dei Fori Imperiali paralizzandola, betoniere camion e mezzi pesanti in segno di protesta da parte dei lavoratori della Metro C. Nella giornata di ieri i lavoratori del Consorzio Metro C aveva inviato una lettera al Campidoglio nella quale annunciavano proprio questo stop ai cantieri a causa del mancato pagamento da parte del Comune di Roma. “Alcuni tra i lavoratori – hanno reso noto i sostenitori della protesta – non percepiscono lo stipendio da addirittura 3 o quattro mesi e questo rende impossibile andare avanti rispettando il regolare svolgimento dei lavori.