Aprilia, risarcimento danni maltempo aprile: promossa assemblea pubblica il 13 novembre

Dopo la pubblicazione, sull’ultima edizione della Gazzetta Ufficiale, del decreto ministeriale relativo al risarcimento dei danni causati alle aziende agricole del territorio dall’eccezionale ondata di maltempo dello scorso aprile, anche l’Amministrazione Comunale di Aprilia si muove: Terra e compagnia hanno infatti promosso un’assemblea pubblica estesa a tutti gli agricoltori interessati tra Aprilia e i Comuni limitrofi, che avrà luogo alle ore 18.30 di lunedì 13 novembre presso Culturaprilia in Via Pontina al km. 46,600.
“Con la pubblicazione in Gazzetta del Decreto Ministeriale – ha commentato l’Assessore Marchitti – abbiamo raggiunto l’obiettivo prefissato ad aprile di rappresentare ad un livello istituzionale più alto il grido di allarme arrivato dagli agricoltori che, in alcuni casi, avevano registrato la perdita dell’intero raccolto. Abbiamo chiesto lo stato di calamità e con esso indennizzi e deroghe tributarie a beneficio di un settore strategico per l’economia apriliana e pontina, messo in ginocchio da un evento climatico eccezionale e fuori stagione. Già ad aprile abbiamo messo a disposizione gli uffici per le richieste di risarcimento, con la promessa che avremmo seguito l’intero iter. Per questo, invitiamo gli operatori del settore agricolo interessati a partecipare all’assemblea pubblica, durante la quale ha confermato la sua presenza il dottor Luciano Massimo, che a nome dell’Amministrazione ringrazio per la completa disponibilità dimostrata nei confronti di chi ha subito i danni più ingenti dal maltempo di aprile”.
L’improvvisa gelo che ha investito il territorio pontino all’inizio della primavera ha influito in modo estremamente negativo sulle produzioni agricole, in particolare del kiwi e del settore vitivinicolo, tanto che la Regione Lazio, con deliberazione dello scorso 9 agosto, ha preso atto dei danni stimandoli in circa 125 milioni di euro. L’Amministrazione Comunale di Aprilia, già lo scorso 28 aprile, promosse un’assemblea presso il polo fieristico di Campoverde durante la quale fu deciso di attivare le procedure per chiedere lo stato di calamità.


 

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*

Social

Facebook

Twitter

Instagram

@quotidianolavoce

Meteo

Oroscopo

Borsa

Camera dei Deputati

Guida TV