Berlusconi riabilitato, giustizia è fatta

Colpo di scena nel bel mezzo di questa lunga crisi di governo. Mentre Di Maio e Salvini stanno trattando febbrilmente arriva una notizia ’boom’ in ambito del centro destra.
Silvio Berlusconi potrà di nuovo correre per le elezioni. A deciderlo il Tribunale di Sorveglianza di Milano. Lo scrive il Corriere della Sera. Vengono dunque di fatto cancellate le conseguenze della condanna del 2013 legata al processo sul diritti Mediaset che aveva fatto scattare l’incandidabilità per l’ex premier prevista dalla cosiddetta legge Severino.
’’Berlusconi che torna candidabile è una buona notizia per lui, e ne sono davvero felice, e soprattutto per la democrazia’’, afferma il segretario della Lega, Matteo Salvini. ’’Parziale giustizia a solenne ingiustizia, aspettando Strasburgo’’. Lo scrive su Twitter l’ex presidente del Senato Renato Schifani. "Giustizia è fatta. Finalmente il nostro leader Silvio Berlusconi ha ottenuto dal tribunale di sorveglianza di Milano la ’riabilitazione’. Un calvario durato 5 anni che non ha permesso al presidente Berlusconi di essere candidato come milioni di italiani gli chiedevano. Ora l’Italia potrà contare ancora di più su di noi’’, scrive su Facebook Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera. Che cos’è e cosa dice il testo della Legge Severino che aveva portato alla incanidabilità di Silvio Berlusconi, riabilitato l’11 maggio dal tribunale del riesame di Milani.
Dalla sua introduzione nell’ordinamento giuridico italiano, la legge Severino ha regolamentato alcune aree della politica italiana e della Pubblica Amministrazione. La norma, scrive il sito Politicanti, rifà alla Legge numero 190 del 6 novembre 2012 e prende nome di “Legge Severino” per l’ex Ministro della Giustizia, Paola Severino, che all’interno dell’Esecutivo di Mario Monti ne ha scritto i decreti attuativi. Tuttavia la legge 190/2012 non è nata con il Governo Tecnico, bensì con il IV Governo Berlusconi all’interno del quale fu Angelino Alfano a dargli vita. Tuttavia, dopo la caduta dell’ultimo Governo Berlusconi, fu l’Esecutivo Monti a portare avanti e ad attuare, con diverse modifiche, la legge in oggetto. La Legge Severino è stata attuata dopo le stime che l’Unione Europea e l’OSCE avevano stipulato sulla corruzione in Italia, un fenomeno che danneggiava la penisola per 60 miliardi di euro l’anno e la stessa Europa sul 1% del Pil.
Dopo i dati divulgati dall’Unione Europea, che classificavano l’Italia come il terzo paese OSCE più corrotto, l’allora Ministro della Giustizia Angelino Alfano cominciò a lavorare alla Legge Severino. Il testo della legge 190/2012 è stato reso definitivo dal Governo Monti dato il lungo iter legislativo a cui è stata sottoposta dal 2010 al 2012. Si aspetta la sentenza della Corte di Strasburgo, che dovrebbe arrivare nel corso del 2018, per capire se l’effetto della legge Severino su Silvio Berlusconi ha rispettato il principi dei diritti dell’uomo. Anticorruzione, concussione, ineleggibilità, sospensione, decadenza e incandidabilità sono i temi centrali su cui si concentra la Legge Severino, nonché i decreti attuativi messi in atto dall’ex Ministro della Giustizia Paola Severino. Anticorruzione: l’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) attua le sue competenze per la prevenzione alla corruzione in Italia.
Concussione: chi viene condannato per questo reato sarà non idoneo per eventuali cariche nella Pubblica Amministrazione nonché per cariche politiche. Ineleggibilità: ineleggibili e non candidabili coloro che sono stati condannati a più di due anni di reclusione per i reati punibili almeno fino a quattro anni. Sospensione: ha valore retroattivo e prevede, anche a nomina avvenuta regolarmente, la sospensione di una carica comunale, regionale e parlamentare se la condanna avviene dopo la nomina del soggetto in questione. Per coloro che sono in carica basta anche una condanna non definitiva per l’attuazione della sospensione che può durare per un massimo di 18 mesi. Incandidabilità: regola l’incandidabilità per le cariche nel Parlamento italiano, nel Parlamento Europeo e negli enti locali per tutti coloro che hanno condanne legate alla corruzione.


 

Notizia successiva
Acea: utili in ripresa

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*

Social

Facebook

Twitter

Instagram

@quotidianolavoce

Meteo

Oroscopo

Borsa

Camera dei Deputati

Guida TV