Di Maio-Meloni: incontro inutile

"Non ho niente da dire", taglia corto Giorgia Meloni scura in volto dopo aver visto a Montecitorio Luigi Di Maio nel tardo pomeriggio. Cala il gelo tra M5S e Fdi. Qualche ora più tardi è il capo politico dei pentastellati a confermare che il faccia a faccia è andato male: ’’E’ stato un incontro di cortesia: ho spiegato alla Meloni perché Fdi non può stare nel contratto di governo tra M5S e Lega". A fine serata si fa sentire via Facebook la presidente di Fratelli d’Italia: ’’Ho ribadito al leader pentastellato che Fdi -che non ha mai avanzato alcuna richiesta di ingresso nel nuovo esecutivo - non potrebbe mai far parte di un governo a guida grillina e che anzi abbiamo vincolato ogni nostra decisione proprio a una premiership rispettosa degli italiani che ci hanno votato". "La risposta che ho ricevuto - continua - è che in questo caso lui avrebbe posto un veto sulla nostra presenza perché saremmo una forza ’troppo di destra’. Non so - osserva - come si ponga Matteo Salvini rispetto a una posizione di questo tipo, ma sono contenta di aver contribuito a fare chiarezza. Evidentemente in quello che tutti già chiamano governo giallo verde non ci sarà il tricolore’’, rimarca il presidente di Fdi.
Dopo essere stati lasciati ai margini delle trattative governative di questi giorni Fratelli d’Italia torna sulla scena politica, determinata a far valere i suoi 18 senatori e 32 deputati, che potrebbero blindare l’esecutivo giallo-verde. Meloni è corteggiata da Salvini, che conta di mettere in sicurezza la maggioranza a palazzo Madama con Fdi. Secondo alcuni, solo una manovra per lasciare solo Silvio Berlusconi nella scelta di astenersi, come sospettano alcuni azzurri. Meloni deve si è trovata a fare i conti con i falchi del suo partito, che puntano all’opposizione dura e pura. E, soprattuto, con i ’paletti’ dei grillini. Il problema, raccontano fonti parlamentari, è che Di Maio avrebbe manifestato tutta la sua perplessità sulla presenza nella futura squadra di palazzo Chigi proprio della Meloni, suggerendo alla Lega l’indicazione di esponenti di area riconducibili a Fdi. Non solo: eventuali ministeri da assegnare ai ’meloniani’ (si parla di quelli della Salute e della Difesa) sarebbero considerati tutti in ’quota Lega’. In serata emerge irritazione nei confronti di Salvini che avrebbe incoraggiato il dialogo con i cinque stelle, lasciando Fdi davanti al niet di Di Maio. Quasi un modo per prendere le distanze e dire: ’caro Salvini, te lo carichi tu l’alleato, a costo di veder ridotte le tue pretese sui posti chiavi nel governo’. L’ultima parola spetterà alla Direzione nazionale di lunedì, quando Fdi dovrà tirare le somme e scegliere tra l’astensione critica o l’appoggio a un eventuale governo targato M5S-Lega.
I vertici di Fdi preferiscono non commentare. Parla Edmondo Cirielli, presidente della Direzione nazionale del partito e questore della Camera: ’’Io ritenevo che un partito patriottico come il nostro, se chiamato, non poteva non assumersi delle responsabilità di governo. Ora prendo atto che la Lega si ritiene autosufficiente". "Ovviamente, per quanto mi riguarda, fermo restando che seguirò la decisione della Direzione nazionale convocata per lunedì prossimo, sosterrò la tesi che non bisognerà votare un governo che non abbiamo contribuito a creare e come faremo un’opposizione patriottica votando di volta in volta i provvedimenti che riterremo utili per la nostra Nazione", conclude Cirielli.


 

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*

Social

Facebook

Twitter

Instagram

@quotidianolavoce

Meteo

Oroscopo

Borsa

Camera dei Deputati

Guida TV