Partito Democratico: cresce lo spettro di una nuova scissione

C’è aria di scissione all’interno del Pd. Da un lato i renziani, che vorrebbero il congresso subito con la reggenza affidata a Matteo Orfini. Dall’altro il versante di Maurizio Martina, che ambisce a confermare il reggente dem e posticipare il congresso al prossimo anno. "Guardo quello che sta accadendo e vedo questa singolare contraddizione: mi pare ci sia uno spazio come non c’è mai stato da tanti anni a questa parte e mi pare che a questo spazio non corrisponda un’intelligenza, la saggezza, lo spirito unitario, la coscienza della grandezza della missione", commenta Walter Veltroni, usando toni drammatici per difendere il ’suo’ Pd in questo momento delicato. Però il Partito democratico non è arrivato al capolinea. Anzi, dice il fondatore, "sono fortemente convinto del contrario".
Ma serve unità, vanno respinte le tentazioni di archiviare il progetto e tornare a dividersi. "Non credo che ciò che abbiamo faticosamente unito, passo dopo passo, sia arrivato al suo compimento. Non credo che le identità che abbiamo unito debbano riconoscere di non essere in grado di coesistere, credo fortemente il contrario. Credo che il Paese abbia bisogno di una grande forza riformista: e credo che questo possa avvenire soltanto se queste componenti stanno unite", dice Veltroni davanti una platea di big dem riuniti alla Camera per l’iniziativa su Roberto Ruffilli organizzata dai gruppi Pd. Ci sono i capigruppo Andrea Marcucci e Graziano Delrio. Ci sono Lorenzo Guerini, Ettore Rosato, Matteo Richetti tra gli altri.
Un richiamo, quello del fondatore del Pd, che arriva a pochi giorni dall’assemblea nazionale, convocata per sabato all’Ergife a Roma. Una riunione verso la quale i dem vanno, al momento, senza un linea unitaria. I renziani sono per il congresso subito con la reggenza affidata a Matteo Orfini. Mentre Maurizio Martina è ancora in campo per essere eletto segretario all’assemblea del 19 maggio e quindi portare il partito al congresso il prossimo anno. Assetti interni legati ovviamente all’andamento della crisi: la difficoltà di Matteo Salvini e Luigi Di Maio riaprono il rischio di voto anticipato. "Se si continua a perdere tempo, che i partiti riconsiderino la proposta del presidente della Repubblica, l’unica seria sul tavolo", ha detto ieri Delrio in conferenza stampa al Pd.
"La questione - dice un big renziano - non Martina e il congresso. Si va al congresso. Punto. Dobbiamo solo decidere quando". L’opzione Martina non sarebbe più sul tavolo. "A reggere il partito verso il congresso sarà Matteo Orfini. Da Statuto è il presidente dell’assemblea che guida la fase congressuale quando il segretario si dimette. Sarà affiancato dalla commissione congresso, che viene eletta in Direzione, e che sarà organo di garanzia collegiale". Questa la posizione dei renziani. Del resto, se si dovesse andare al voto anticipato, la questione di chi fa le liste tornerebbe ad essere dirimente.
Dal versante del reggente dem, sostenuto da Dario Franceschini e dall’area di Andrea Orlando, fanno sapere che non c’è alcuna intenzione di fare un passo indietro e che sabato in assemblea verrà chiesta la conferma di Martina alla segreteria ed insieme la data del congresso entro l’anno. Per non arrivare a una conta in assemblea servirà una mediazione. E una possibile soluzione potrebbe essere quella di individuare un terzo nome, un segretario-traghettatore, e in questo caso il nome di Lorenzo Guerini è quello più gettonato.


 

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*

Social

Facebook

Twitter

Instagram

@quotidianolavoce

Meteo

Oroscopo

Borsa

Camera dei Deputati

Guida TV