Mafia, La Questura ricorda l’agente Ps Roberto Antiochia nel 33° anniversario della morte

Aveva solo 23 anni Roberto Antiochia, agente della Polizia di Stato quando, il 6 agosto del 1985, in servizio presso la squadra mobile di Palermo, mentre accompagnava il Vice Questore Antonino Cassarà presso la sua abitazione, un gruppo di uomini armati di kalashnikov, cominciarono a sparare sull’alfetta di scorta. Antiochia, cercando di fare scudo con il suo corpo a Cassarà che era sceso dall’auto per raggiungere il portone di casa, è rimasto ucciso dagli spari. Più tardi, ferito gravemente dagli innumerevoli colpi di mitra, morirà anche Cassarà. Il 17 febbraio 1995, la Corte d’Assiste di Palermo ha condannato all’ergastolo 5 persone quali mandanti del delitto tra cui Totò Riina e Bernardo Provenzano.
Questa mattina, in occasione della commemorazione del 33° anniversario della sua morte, il Questore di Roma Guido Marino ha deposto, a nome del Capo della Polizia, Direttore Generale della Pubblica Sicurezza Franco Gabrielli, una ciotola di fiori sulla lapide collocata all’interno del cimitero di Prima Porta. Alla cerimonia hanno partecipato funzionari della Questura, colleghi e familiari della vittima.


 

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*

Social

Facebook

Twitter

Instagram

@quotidianolavoce

Meteo

Oroscopo

Borsa

Camera dei Deputati

Guida TV