Università Cattolica: nuova edizione del Master “Epidemiologia e Biostatistica"

"Al via la nuova edizione del Master universitario di secondo livello in ’Epidemiologia e Biostatistica’ dell’Università Cattolica di Roma rivolto a partecipanti interessati a lavorare nell’ambito delle aziende sanitarie e degli enti, pubblici e privati, che svolgono attività di ricerca in campo epidemiologico e di tutte le aziende industriali e dei servizi operanti nel settore biomedico". Lo comunica in una nota l’Università Cattolica del Sacro Cuore.
"Il Master universitario di secondo livello - prosegue la nota - ha la durata di un anno accademico per complessivi 60 crediti, pari a 1500 ore. C’è tempo fino al 7 novembre 2018 per iscriversi. Il calendario didattico si articolerà in lezioni frontali e sessioni pratiche esercitative; le lezioni si svolgeranno presso l’aula B degli Istituti Biologici della Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore a partire dal 28 gennaio 2019".
“La rilevazione sullo sviluppo di carriera dei partecipanti alle edizioni 2014/2015 e 2015/2016 ha messo in luce che il 60% degli studenti che non avevano una posizione lavorativa all’inizio del corso ne ha ottenuta una dopo il conseguimento del titolo – spiega Stefania Boccia, Docente presso l’Istituto di Sanità pubblica dell’Università Cattolica e Direttore scientifico del Master. Ugualmente, tra i lavoratori, la stessa percentuale ha avuto un’evoluzione di carriera. Inoltre, il 93% dei candidati ha comunque identificato nel Master uno strumento utile ad acquisire la possibilità di una progressione di carriera”.
"Questo è possibile - si legge ancora nella nota - perché il Master conferisce agli studenti la possibilità di comprendere come utilizzare gli strumenti dell’epidemiologia e della biostatistica in campi attuali della ricerca clinica e dei servizi sanitari come quelli della diagnosi e della prognosi, delle malattie infettive e cronico-degenerative, della genetica, ambientale, nutrizionale, della valutazione degli esiti e delle tecnologie sanitarie, dell’utilizzo dei big data".
“Infine - conclude Boccia - la prova finale riguardante la pianificazione e conduzione di un proprio progetto di ricerca aiuta gli studenti a consolidare le proprie conoscenze e consente loro di lavorare anche nell’ambito di rinomate strutture sanitarie con cui sono in atto convenzioni”.


 

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*

Social

Facebook

Twitter

Instagram

@quotidianolavoce

Meteo

Oroscopo

Borsa

Camera dei Deputati

Guida TV