Regione, ok dalla commissione bilancio per il consuntivo 2017 e assestamento per il 2018

"La quarta commissione Bilancio, programmazione economico-finanziaria, partecipazioni regionali, federalismo fiscale, demanio e patrimonio, presieduta da Marco Vincenzi (Pd), ha dato parere favorevole ai consuntivi del 2017 e alla legge di assestamento del bilancio 2018-2020. I documenti approvati oggi dovranno ora approdare nell’Aula consiliare, per l’esame e l’approvazione definitiva". Lo comunca l’Area informazione del Consiglio regionale del Lazio.
“Sul rendiconto e sui consolidati – ha dichiarato Vincenzi al termine dei lavori - è condivisa l’opinione che la Regione Lazio abbia raggiunto l’obiettivo di mettere a posto i conti. E nel bilancio di previsione 2019-2021 ci sarà la possibilità di introdurre nuove iniziative per lo sviluppo. Nell’assestamento non ci sono manovre: è sostanzialmente una presa d’atto dell’equilibrio del bilancio 2018”. Soddisfazione è stata espressa, per la tempistica, anche dall’assessore al Bilancio, Alessandra Sartore: “Siamo molto soddisfatti dell’andamento dei lavori in commissione – ha dichiarato – perché abbiamo anticipato di mesi l’approvazione di documenti che in genere vengono approvati a dicembre, durante la sessione di bilancio. Ciò ci permette l’anticipo del previsionale 2019-2021”. Questi i documenti approvati dalla commissione bilancio: "il rendiconto generale della Regione Lazio per l’esercizio finanziario 2017 (proposta di legge regionale n. 58), il rendiconto consolidato Giunta-Consiglio 2017 (proposta di deliberazione consiliare n. 20) e il bilancio consolidato della Regione Lazio per l’esercizio 2017 (pdc n. 21); l’assestamento del bilancio 2018-2020 (proposta di legge regionale n. 44).
Il rendiconto era stato adottato con deliberazione della Giunta regionale n. 196 del 24 aprile 2018. Successivamente il presidente della Regione lo aveva trasmesso alla sezione regionale di controllo della Corte dei conti, ai fini del giudizio di parificazione. La Corte dei conti – sezione regionale di controllo per il Lazio ha pronunciato la decisione di parifica con deliberazione n. 61 del 25 luglio 2018. Il totale delle entrate finali è pari a 15.990 milioni di euro, le spese 16.263. L’esercizio finanziario 2017 si chiude con un risultato di amministrazione pari a euro meno 450 milioni, al netto del fondo pluriennale vincolato. Nel raffronto con l’esercizio 2016 il risultato di amministrazione passa da un disavanzo di euro 1.016 milioni ad un disavanzo di euro 450 milioni. Il disavanzo sostanziale è pari a meno 8.954 milioni di euro. Il disavanzo effettivo, vale a dire al netto del fondo anticipazioni liquidità, è pari a meno 1.578 milioni di euro. Il quadro generale riassuntivo evidenzia un avanzo di competenza di euro 171 milioni circa. Con riferimento alle entrate regionali gli accertamenti relativi alle entrate correnti libere, ovvero le fonti di finanziamento per le quali il quadro normativo di riferimento non dispone un espresso vincolo di destinazione, ammontano a 3.153 milioni di euro. Con riferimento alle entrate tributarie libere diverse da quelle destinate al finanziamento del servizio sanitario nazionale, quelle accertate in via ordinaria sono pari a 2.021 milioni di euro, mentre quelle derivanti da attività di recupero fiscale risultano pari a 336 milioni di euro. Il portafoglio di debito complessivo al 31 dicembre 2017 ammonta a 22.011 milioni di euro.
Nell’anno 2017, il riparto del Fondo sanitario indistinto e vincolato (Fsn) ha determinato, per la Regione Lazio, una quota di finanziamento netta pari a 10.354 milioni di euro. Il risultato di esercizio del Bilancio Consolidato del SSR, per l’anno 2017 è stato accertato in euro meno 45,6 milioni, con un miglioramento di euro 92 milioni rispetto al risultato del 2016 pari ad euro meno 137 milioni. L’obiettivo di disavanzo preventivato per il 2017 dal Piano di rientro era pari a -58 milioni con un risultato migliore rispetto al preventivato per euro 13 milioni. Nell’esercizio 2013 il risultato di esercizio del Ssr era pari a meno 670 mln di euro. Nel triennio è stata conseguita una riduzione del disavanzo del 93% rispetto all’esercizio 2013".


 

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*

Social

Facebook

Twitter

Instagram

@quotidianolavoce

Meteo

Oroscopo

Borsa

Camera dei Deputati

Guida TV